Erasmus+

PROGETTI MOBILITÀ 2016

PORTOGALLO

 

IMG-2469.JPG

Il 10 giugno sono andata a Lisbona con i miei compagni di viaggio. Inizialmente, eravamo molto spaventati dal fatto che dovevamo affrontare questa nuova avventura. Erasmus è cosi!!! Si parte quasi allo sbaraglio, con molti dubbi e incertezze, ma comunque con la voglia di farsi un'avventura e un'esperienza di vita molto importante. Erasmus è un’occasione che non dovete proprio lasciarvi sfuggire!!!

(Zang 5I RIM)

 IMG-2577.JPG
 
 IMG-2612.JPG
 
 IMG-2625.JPG
 
 IMG-2709.JPG

Mi chiamo Alessia e durante l’estate della quarta superiore ho partecipato al progetto ERASMUS+.  Insieme ad altri nove ragazzi, ho trascorso cinque settimane a Lisbona. Dal Lunedì al venerdì ognuno di noi aveva il proprio lavoro, mentre durante il weekend organizzavamo delle piccole gite per visitare la città, i musei e tutti gli altri luoghi di interesse.

La mia attività lavorativa si è svolta in un ostello situato nel centro di Lisbona, denominato “HOSTEL4U”. Lavoravo dal Lunedì al Venerdì otto ore al giorno…La mia tutor, Ana è stata una persona splendida perché loquace e aperta. Lei voleva imparare l’italiano, io il portoghese e per capirci utilizzavamo l’inglese. Grazie a lei mi sono sentita a casa.
Il mio ruolo all’interno dell’ostello era quello di receptionist ma non solo: andavo a fare la spesa per la colazione tutte le mattine e aiutavo Ana, a gestirla. Tra le mansioni di receptionist c’era l’accoglienza del cliente quindi check-in/check-out e prenotazioni clienti. Nonostante a scuola non avessi mai usato programmi per la contabilità, come Primavera e Back Pack online, questa esperienza mi ha dato ottime competenze al riguardo.

Nelle mansioni quotidiane ho imparato tantissime frasi in portoghese, rendendomi conto che è una lingua molto affascinante e difficile da imparare. È stato molto bello imparare le basi di questa lingua, fino ad allora non avrei mai pensato di doverla imparare un giorno. 
Gli ospiti dell’ostello provenivano dalle più svariate parti del mondo e di conseguenza sono riuscita a migliorare anche le mie capacità nelle lingue che studiavo a scuola (inglese, spagnolo e tedesco).
Durante il weekend invece, abbiamo visitato tutti insieme molti musei e città vicine a Lisbona, come Sintra.

Questo ERASMUS+ non è stato solo un’esperienza lavorativa all’estero, ma anche istruttivo e piacevole per arricchire il mio bagaglio culturale. Una delle mie preoccupazioni più grandi prima della partenza era quella di non riuscirmi ad orientare sia fisicamente che mentalmente in una città grande come Lisbona, invece, dopo pochi giorni affrontando le mie paure e ponendomi in modo reattivo rispetto alle situazioni che capitavano sono riuscita a destreggiarmi in qualsiasi situazione. Questa esperienza è stata una delle più belle della mia vita. Non avrei mai pensato che andare in una città in cui non ero mai stata, con persone mai viste prima, proiettata in una vita completamente “diversa” dal normale, mi avrebbe fatto crescere e aprire nuovi orizzonti. Si creano dei legami molto forti, dati dalle diverse conoscenze che ognuno di no ha grazie alle diverse culture, nazionalità e storie.

(Alessia 5   RIM)

  Esperienza di lavoro all'estero

 

Allegati:
Scarica questo file (Erasmus+ 2016.pdf)Erasmus+ 2016.pdf[ ]572 Kb